Pagine

venerdì 21 febbraio 2014

BANDO PER L 'ACCESSO AL CREDITO DI START-UP E PMI CON FINANZIAMENTI APERTI IN LOMBARDIA

La crisi continua  senza grandi cenni di ripresa   questo stato di cose ha  favorito la nascita di strumenti alternativi per l’accesso al credito, oggi meno garantito dalle banche, i  finanziamenti sono diretti
soprattutto per imprese giovanili e femminili,n che risultano essere   più in difficoltà nel reperire finanziamenti.
Ecco il  bando regionale  per finanziamenti alle imprese
La Regione Lombardia con il"Programma integrato d’interventi a sostegno della creazione d’impresa”, ha  pubblicato  i vari bandi finalizzati alla promozione di start-up e re-start.
Da  ottobre 2013  è attivo il bando sia sui finanziamenti diretti a medio termine e a tasso agevolato, sia  come i contributi a fondo perduto per l’acquisizione di servizi di affiancamento, all’interno della  Linea 8
Posssono  partecipare le Start Up e Re Start

Bando Start Up

  • Aspiranti imprenditori, con  iscrizione  al completo al Registro Imprese di una delle CCIAA della Lombardia, entro 90 gg dal decreto di approvazione dell’elenco dei Business Plan ammessi;
  • Start up innovative  che siano i iscritte all’apposita sezione del Registro presso una delle CCIAA della Lombardia, al sensi dell’art. 25 della Legge 221 del 17/12/2012;
  • MPMI iscritte al Registro di una delle CCIAA della Lombardia, da non più di 24 mesi dalla data di presentazione della domanda.
    Bando Re Start
  • MPMI iscritte al Registro Imprese di una delle CCIAA della Lombardia, da non più di 24 mesi dalla data di presentazione online della domanda, e derivanti da:
  • impresa preesistente attraverso la costituzione di nuova impresa (Newco) o lo sviluppo di un’area aziendale (Spin Off);
  • in forma cooperativa da lavoratori espulsi dal mondo del lavoro e/o da cooperative che rilevano attività in dismissione;
  • Imprese sociali costituite da non più di 24 mesi, con l’obiettivo di riconversione totale o parziale di aziende in crisi;
  • PMI che, da non più di 24 mesi dalla data di presentazione online della domanda, che abbiano attivato o attiveranno (entro 90 gg dal decreto di approvazione dell’elenco dei business pian ammessi) un  apporto di collaborazione con un soggetto terzo che assume o assumerà un ruolo di responsabilità all’interno dell’impresa (direttivo e/o di partecipazione agli organi societari) e che ha sottoscritto e versato (o sottoscriverà e verserà entro 90 gg dal decreto di approvazione dell’elenco dei business plan ammessi) a titolo di capitale sociale un importo minimo di € 50.000,00;
  • PMI con un piano di rilancio aziendale ammesso ai sensi del decreto 7623 del 07/08/2013 “Bando per la redazione di Piani di Rilancio aziendale da parte delle Piccole Medie Imprese lombarda in attuazione dell’azione E “Piani di Rilancio Aziendale” – Linea d’Intervento 1.1.2.1 ASSE 1 POR FESR”.
  • Tutte i soggetti  interessati a partecipare al bando  devono avere almeno una sede operativa/ domicilio fiscale (solo per “Start Up innovative”) in Lombardia.
  •  I fondi ammontano a 30 milioni di euro e sono così ripartiti:
  • 2 mln di contributi a fondo perduto erogati all’impresa beneficiaria a seguito di positiva valutazione del Business Pian a copertura delle spese generali legate alla fase di avvio/rilancio;
  • 23 mln per finanziamenti diretti a tasso agevolato a medio termine erogati all’Impresa beneficiaria per gli investimenti realizzati per l’avvio/rilancio d’impresa;
  • 5 mln di contributi a fondo perduto erogati all’impresa beneficiaria per la fruizione di servizi di consulenza e logistica da acquisire presso i soggetti fornitori selezionati da Regione Lombardia.
Restate sempre aggiornati seguite le news  sui Social Network  Facebook Twitter

Nessun commento:

Posta un commento