Pagine

venerdì 31 maggio 2013

Offerte lavoro in Svizzera si cercano 36.000 informatici  

In Europa nonostante la crisi, i giovani disoccupati italiani potranno trovare buone opportunità di lavoro, in Svizzera poco di là dai confini nazionali si cercano 36.000 informatici .
La buona notizia giunge dall'a, che ha sede a Mendrisio e Lugano.
 L'invito è rivolto a tutti, anche gli italiani.Università della Svizzera italian
Anzi, se sono stranieri, è meglio perché di solito accettano stipendi più bassi.
Un informatico per di più può guadagnare circa 7 mila franchi svizzeri al mese, praticamente 5.600 euro.
In Italia una cifra così non la prende neanche un direttore d'albergo 5 stelle. Si può obiettare che la vita è cara ma con uno stipendio così rimane abbastanza per condurre una vita più che  dignitosa.
La Svizzera non ha problemi di disoccupazione giovanile, visto che il tasso è stabile al 3%, ovvero il 35% in meno di quella italiana.

Certo, le differenze tra Italia e Svizzera non è solo questa ce ne sono tante difficile da elencarle tutte qui, il dato risulta evidente attualmente è che  per gli informatici, in Svizzera, ci sono ottime prospettive di  trovare lavoro: e anche se  non si parla di aziende qualificate come Google, Microsoft o Apple, ma di tante altre aziende  si può a ragione parlare  di un settore informatico come è il quinto più importante dell'economia.
Entro il 2015 saranno  effettuate ben 36.000 assunzione all’interno dell’Information and Comunication Technology.
Si parla inoltre di 700.000 posti vacanti in tutta Europa secondo uno studio della Commissione Ue nel 2015 nel settore dell'Information and Communication Technology, posti che saranno ricoperti dalle persone che ora stanno studiando all’interno dell’Università di Informatica o che hanno già la Laurea.
L'invito all'occupazione arriva dall'Università della Svizzera italiana nelle campagne pubblicitarie  si legge “Per un futuro assicurato, studia informatica", ed è quanto scritto sugli annunci pubblicati su quotidiani e periodici italiani.



Nessun commento:

Posta un commento